PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE

 

 

PROCEDIMENTO AUTOMATIZZATO (Art. 5 D.P.R. 160/2010)
Attività sottoposte al procedimento
L’esercizio, la localizzazione, realizzazione,  trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonche' cessazione o riattivazione di attività produttive o di prestazioni di servizi soggetti a Segnalazione Certificata di Inizio Attività ai sensi dell’art.19 della L. 241/1990 s.m.i.
Documentazione da presentare

La documentazione da presentare è quella specificatamente indicata nelle Schede di Modello Attività pubblicate.

Procedimento

Il Suap può richiedere chiarimenti circa il rispetto delle normative tecniche e la localizzazione dell’impianto convocando una riunione. Tale richiesta non comporta l’interruzione dell’attività avviata.

 

Entro 60 giorni dal ricevimento della segnalazione, il Suap adotta gli eventuali provvedimenti interdettivi in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti di legge necessari per avviare l’attività. Qualora sia possibile, e’ consentito conformare l’attività ed i suoi effetti alla normativa vigente entro un termine  fissato  dall’amministrazione,  in  ogni  caso  non inferiore  a  trenta  giorni.

Inizio attività

L’attività può essere avviata immediatamente o, nel caso la segnalazione preveda l'esecuzione opere edilizie, dopo la presentazione al Suap da parte del soggetto interessato di:

  • dichiarazione del direttore dei lavori attestante la conformita' dell'opera al progetto presentato e la sua agibilita', ove l'interessato non proponga domanda ai sensi dell'articolo 25 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380;
  • nei casi previsti dalla normativa vigente, il certificato di collaudo effettuato da un professionista abilitato.
Controlli Entro 90 giorni dalla presentazione della dichiarazione e del certificato di collaudo, il Suap, anche su segnalazione delle amministrazioni e degli uffici comunali competenti, adotta gli eventuali provvedimenti interdettivi e sanzionatori qualora si accerti la non conformità dell’opera al progetto o alle norme vigenti.
PROCEDIMENTO UNICO ORDINARIO (Art. 7 D.P.R. 160/2010)

 

Attività sottoposte al procedimento
Istanze per procedimenti che abbiano ad oggetto  l’esercizio, la localizzazione, realizzazione,  trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonche' cessazione o riattivazione di attività produttive o di presetazioni di servizi, non rientranti tra i procedimenti soggetti da Segnalazione Certificata di Inizio Attività ai sensi dell’art.19 della L. 241/1990 s.m.i.
Documentazione da presentare

La documentazione da presentare è quella specificatamente indicata nelle Schede di Modello Attività pubblicate.

Procedimento

Il Suap di concerto con i Settori ed Enti coinvolti, verifica la completezza della documentazione e può richiedere integrazioni entro 30 giorni dalla presentazione della domanda.Può inoltre richiedere chiarimenti circa il rispetto delle normative tecniche e la localizzazione dell’impianto convocando una riunione.

 

Verificata la completezza della documentazione, il Suap adotta il provvedimento conclusivo entro i 30 giorni successivi oppure indice la Conferenza dei Servizi ai sensi della L.241/1990 e s.m.i..

 

La Conferenza dei Servizi può essere indetta quando e' necessario acquisire intese, nulla osta, concerti o assensi di diverse amministrazioni pubbliche,ai sensi e per gli effetti previsti dagli articoli da 14 a 14-quinquies della legge 7 agosto 1990, n. 241, ovvero dalle altre normative di settore, anche su istanza del soggetto interessato o dell'Agenzia.

La conferenza e' sempre indetta nel caso in cui i procedimenti necessari per acquisire le suddette intese, nulla osta, concerti o assensi abbiano una durata superiore ai novanta giorni ovvero nei casi previsti dalle discipline regionali. Il Provvedimento viene assunto entro 90 giorni dalla prima riunione della Conferenza dei Servizi.

Inizio Attività

L’imprenditore comunica al Suap l’inizio dei lavori per la realizzazione o  modificazione dell’impianto produttivo

 

L’attività può essere iniziata dopo la presentazione al Suap da parte del soggetto interessato di:

  • dichiarazione del direttore dei lavori attestante la conformita' dell'opera al progetto presentato e la sua agibilita', ove l'interessato non proponga domanda ai sensi dell'articolo 25 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380;
  • nei casi previsti dalla normativa vigente, il certificato di collaudo effettuato da un professionista abilitato.
Controlli Entro 90 giorni dalla presentazione della dichiarazione e del certificato di collaudo, il Suap, anche su segnalazione delle amministrazioni e degli uffici comunali competenti, adotta gli eventuali provvedimenti interdettivi e sanzionatori qualora si accerti la non conformità dell’opera al progetto o alle norme vigenti

 

 

 

 

 


Servizio a Cura del Settore Sviluppo Economico e Fondi Strutturali U.E. - Via Meucci, 4 - 10121 Torino

Torna all'inizio pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookie