SCHEDA 072.7

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA’ (S.C.I.A.) PER VENDITA AL DETTAGLIO PRESSO IL DOMICILIO DEI CONSUMATORI

(Ultimo aggiornamento: 22-10-2015 )

Attività sottoposte al procedimento

Attività di vendita al dettaglio o la raccolta di ordinativi di acquisto presso il domicilio dei consumatori; prima di iniziare l’attività occorre presentare la segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) presso lo sportello unico per le attività produttive del comune nel quale l'esercente, persona fisica o giuridica, intende avviare l'attività (art. 69 D.Lgs. 26 marzo 2010 n. 59);

 

Il soggetto che intende avvalersi di incaricati per l’esercizio dell’attività deve comunicarne l’elenco all’Autorità di Pubblica Sicurezza del luogo nel quale ha avviato l’attività e risponde agli effetti civili dell'attività dei medesimi. Gli incaricati devono essere in possesso dei requisiti di onorabilità prescritti per l'esercizio dell'attività di vendita (art. 69 D.Lgs. 26 marzo 2010 n.59).

 

Requisiti di accesso all’attività: informazioni scheda 72.0

 

 

Per la  vendita di oggetti usati o antichi, compresi quelli d’arte o preziosi, occorre presentare anche la relativa dichiarazione (Modello 53) informazioni scheda 72.13.

Tipo Procedimento
Automatizzato (art.5 D.P.R. 160/2010)
Ente titolare della funzione Comune di Torino - Divisione Commercio - Settore Attività Economiche e di Servizio - Sportello Unico per le attività Produttive
Via Meucci n.4 - II piano - 10121 Torino
Dove rivolgersi

Sportello Unificato per il Commercio

Cosa occorre fare

Avviso: a far data dal 02 marzo 2015 il procedimento potrà essere

attivato esclusivamente con invio telematico della pratica tramite

l'applicativo SUAPPiemonte

 

Per approfondimenti per pratiche già presentate, si riceve su appuntamento da richiedere via fax al n.011-4430890

Modulistica

Segnalazione certificata di inizio attività: Modello 3

 

* Avvio attività di vendita al dettaglio presso il domicilio del consumatore di prodotti non alimentari

 

* Avvio attività di vendita al dettaglio presso il domicilio del consumatore, con prodotti alimentari

 

Allegati previsti:

- Modello Allegato A:Eventuale Dichiarazione dei soci

- Modello Allegato B: Eventuale Dichiarazione del preposto

- Modello 53: S.C.I.A. per vendita di oggetti antichi o usati

- Notifica Sanitaria scheda 31.6

- Copia del documento di identità, qualora l’istanza sia presentata a mezzo posta o da un terzo;

- Per i cittadini extracomunitari: copia permesso di soggiorno in corso di validità  e/o copia della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo  alla Questura

Autocertificazione
Si, nei campi previsti dalla modulistica approvata
Tempi

L’attività può essere avviata contestualmente alla ricezione della comunicazione da parte del Comune ovvero dalla data di effettiva apertura dell’attività dichiarata. Sono fatti salvi eventuali provvedimenti interdettivi che possono essere adottati entro 60 giorni dalla presentazione.

Oneri

Sono da versare i diritti di istruttoria - consulta la deliberazione di approvazione del tariffario vigente - pagabili   con denaro contante all’atto della presentazione della pratica agli sportelli di Via Meucci oppure con versamento sul c/c postale n. 68700137 (allegando al modulo  l’attestazione di versamento), tramite operazione bancaria

(Codice IBAN: IT72E0760101000000068700137, intestato a “COMUNE DI TORINO - SETT. ATTIVITA’ ECONOMICHE E DI SERVIZIO - VIA MEUCCI 4 - 10121 TORINO” , causale: Diritti di istruttoria e ricerca).

 

 

In caso di presentazione di Notifica sanitaria: allegare l’attestazione di versamento dei relativi diritti (Allegato 5 D.G.R. 21-1278 del 23.12.2010)

Durata / Rinnovi

La segnalazione ha validità sino a modifica della titolarità, del  settore merceologico e/o del preposto alla vendita di generi alimentari

Sanzioni
Art. 22 Dlgs 114/98
Riferimenti normativi

Normativa Nazionale

Decreto Legislativo 31 marzo 1998 n. 114

Legge 7 agosto 1990 n.241 smi

Decreto Legislativo 26 marzo 2010 n.59

Normativa Regionale

L.R. 12 novembre 1999 n. 28 e s.m.i.

Testo coordinato dell'allegato A alla D.C.R. n. 563- 13414

L.R. 30 dicembre 2009 n.38

D.G.R. 23 dicembre 2010 n. 21-1278

 

Regolamentazione comunale

Piano Regolatore Generale Variante n°160 - Adeguamento urbanistico ai nuovi criteri commerciali


Servizio a Cura del Settore Sviluppo Economico e Fondi Strutturali U.E. - Via Meucci, 4 - 10121 Torino

Torna all'inizio pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookie