SCHEDA 072.17

TRASFERIMENTO ATTIVITA' DI VENDITA DI QUOTIDIANI E PERIODICI SU AREA PRIVATA

(Ultimo aggiornamento: 10-05-2016 )

Attività sottoposte al procedimento

Il trasferimento in altra sede di attività di rivendita di quotidiani e periodici.

 

Per informazioni sulle tipologie delle rivendite, i requisiti di accesso all’attività e i requisiti dei locali: scheda 72.0

Tipo Procedimento
Automatizzato (art.5 D.P.R. 160/2010)
Ente titolare della funzione

Comune di Torino - Divisione Commercio - Settore Attività Economiche e di Servizio - Sportello Unico per le attività Produttive
Via Meucci n.4 - II piano - 10121 Torino

Dove rivolgersi

Sportello Unificato per il Commercio

Per informazioni: Telefono 0114430245 - Fax al n.0114430737

e-mail 30737@comune.torino.it

Cosa occorre fare

Il Regolamento Comuncale n.333 per la programmazione e la disciplina dell’attività di vendita di quotidiani e periodici  (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale del 8 febbraio 2010 n. mecc. 2009/07357/16), prevede che il trasferimento di punti vendita già autorizzati sia consentito:

  • senza alcun limite nell'ambito dello stesso addensamento commerciale (zone individuate sulla base dei criteri definiti nella Deliberazione del Consiglio Comunale 12 marzo 2007  mecc. 2006 10283/122 e recepiti dagli strumenti urbanistici) o in zone non ricomprese in alcun addensamento - Visualizza la Tavola degli addensamenti commerciali - Visualizza i singoli addensamenti;
  • in un altro addensamento nel caso in cui quest'ultimo, in base ai criteri di programmazione, risulti lacunoso (addensamenti che sulla base della presenza commerciale del territorio evidenziano una ’carenza’ dell’offerta - art.3 Reg.333) - Visualizza l'elenco degli addensamenti lacunosi.

L'autorizzazione alla vendita non esclusiva di quotidiani e/o periodici non è trasferibile se non congiuntamente all'autorizzazione per la vendita delle altre merci in associazione alla quale è stata rilasciata;

 

 

 

Il titolare che intende trasferire la sede della propria attività deve presentare S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) ai sensi dell’art. 19 L.241/90 e s.m.i., utilizzando l’apposita modulistica  da trasmettere in duplice copia secondo le modalità indicate nei modelli stessi, unitamente agli allegati previsti.

Modulistica

Segnalazione Certificata di Inizio Attività rivendita esclusiva: Modulo 24

Segnalazione Certificata di Inizio Attività rivendita non esclusiva: Modulo 25

 

Allegati previsti:

S.C.I.A. per vendita pastigliaggi: Modulo Allegato Art. 12

Modello Tarsu

Dichiarazione Asseverata di Conformità Tecnica: Modulo AllTec-Q

Planimetria stato di fatto

Modello Allegato A: Dichiarazione dei soci

Nulla-osta da parte del Proprietario della struttura all’insediamento dell’attività di rivendita di quotidiani e periodici

Notifica Sanitaria: informazioni scheda 31.6

Autocertificazione
Si, nei campi previsti dalla modulistica approvata
Inizio Attività

Ai sensi del comma 2 dell’art. 19 L. 241/90 l’attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data di presentazione della segnalazione; in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti, nel termine di 60 giorni dal ricevimento della segnalazione stessa, l’Amministrazione adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività.

Oneri

Sono da versare i diritti di istruttoria (tranne che per la presentazione tramite Posta Elettronica Certificata e ComUnica) - consulta la deliberazione di approvazione del tariffario vigente - pagabili con denaro contante all’atto della presentazione della pratica agli sportelli di Via Meucci oppure con versamento sul c/c postale n. 68700137 (allegando al modulo  l’attestazione di versamento), tramite operazione bancaria

(Codice IBAN: IT72E0760101000000068700137, intestato a “COMUNE DI TORINO - SETT. ATTIVITA’ ECONOMICHE E DI SERVIZIO - VIA MEUCCI 4 - 10121 TORINO” , causale: Diritti di istruttoria e ricerca).

 

In caso di presentazione di Notifica sanitaria: allegare l’attestazione di versamento dei relativi diritti (Allegato 1 alla DD 799 del 15/11/2011)

Durata e rinnovi

L’autorizzazione non è soggetta a rinnovo.

 

Casi di decadenza:

  • mancata attivazione del punto vendita entro 6 mesi dall’autorizzazione;
  • sospensione dell’attività per un periodo maggiore di 6 mesi senza autorizzazione preventiva;
  • perdita dei requisiti art. 71 del D.lgs. 59/2010;
  • cessazione dell’attività principale in caso di vendita di quotidiani non esclusiva.
Sanzioni
Art. 22 D.L.gs 114/98
Riferimenti normativi

Normativa Nazionale

  • Legge 7 agosto 1990 n.241
  • D.Lgs. 24 Aprile 2001 n.170
  • Legge 13 aprile 1999, n.108
  • D. lgs. 26 marzo 2010 n.59 

Normativa Regionale

Regolamentazione comunale

  • Regolamento n.333  “Programmazione e disciplina dell'attivita' di vendita di quotidiani e periodici” dell’ 8 febbraio 2010

Servizio a Cura del Settore Sviluppo Economico e Fondi Strutturali U.E. - Via Meucci, 4 - 10121 Torino

Torna all'inizio pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookie